Calzolai 2.0 e Calzolai Italiani 31 maggio – Giornata Nazionale della riparazione di calzature

Venezia 27 maggio 2021 - Lo sapevate che... ogni anno in Europa vengono venduti 2,6 miliardi di Calzature? E che un 1,5 milioni di queste vengono buttate? E che il riciclo è un processo costoso in termini di Ambiente? Le nostre calzature sono fatte di pelle, tessuto e polimeri. Materiali difficili da separare e di difficile riutilizzo, inoltre una volta in discarica si degradano in molti anni, condizione che per il bene dell'Ambiente sarebbe meglio evitare.
Partendo da questi presupposti le due Associazioni Calzolai 2.0 (aderente a Confartigianato) forte di quasi cinquecento soci calzolai aderenti e Calzolai Italiani, più operativa e dedicata ad iniziative di promozione e formazione con centinaia di soci, hanno indetto per lunedì 31 Maggio, la “Giornata Nazionale della riparazione con lo slogan #IORIPARO. Iniziativa di Calzolai Italiani e Calzolai 2.0, che giunge alla sua seconda edizione.
“Questa nostra iniziativa -afferma Paride Geroli Presidente di Calzolai 2.0- oltre a puntare a rilanciare la riparazione di calzature in questa nuova fase di ripartenza dopo un anno e mezzo di pandemia, poggia le sue fondamenta sull’’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile. Sottoscritta il 25 settembre 2015 dai governi dei 193 Paesi membri delle Nazioni Unite, e approvata dall’Assemblea Generale dell’ONU, l’Agenda è costituita da 17 Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile –Sustainable Development Goals, SDGs– inquadrati all’interno di un programma d’azione più vasto costituito da 169 target o traguardi, ad essi associati, da raggiungere in ambito ambientale, economico, sociale e istituzionale entro il 2030. Gli obiettivi fissati per lo sviluppo sostenibile hanno una validità globale, riguardano e coinvolgono tutti i Paesi e le componenti della società, dalle imprese private al settore pubblico, dalla società civile agli operatori dell’informazione e cultura. Tre le strategie principali dell’economia circolare -sottolinea- ci sono: dare priorità a risorse rinnovabili, recuperare e massimizzare l’uso del prodotto. Quest’ultima, in particolare, si declina in almeno tre azioni: prodotto come servizio, condivisione/virtualizzazione e ottimizzazione dell’uso/manutenzione. Ed è proprio nella strategia di “ottimizzazione dell’uso/manutenzione” che ci siamo ispirati”.
“L’appuntamento alla nostra clientela -spiega Simone Usai, Presidente di Calzolai Italiani - è per la giornata di lunedì, presso tutte le Calzolerie d’Italia aderenti l'iniziativa in cui i professionisti della riparazione, con uno sconto del 5%, metteranno a disposizione le loro calzolerie per una consulenza e fornire il servizio più idoneo a dare NUOVA VITA alle SCARPE”.
“Da qualche ora -concludono i due Presidenti- è partita la campagna di sensibilizzazione social #IORIPARO di Calzolai 2.0 e Calzolai Italiani dedicata ai nostri fornitori e colleghi riparatori affinché promuovano la locandina attraverso i loro canali e appendendola in negozio aiutando così in modo tangibile il divulgare dell’evento creando un effetto esponenziale. Come detto l’obiettivo è quello di sensibilizzare l’opinione pubblica alla riparazione, al riciclo, al “non buttare”
Se tutti noi facessimo un piccolo sforzo nel condividere, si otterrebbe un effetto a volano e l’iniziativa avrebbe un eco a livello nazionale e un ritorno d’immagine davvero importante per la categoria”.
L’appuntamento è per lunedì 31 maggio 2021, presso tutte le Calzolerie d’Italia aderenti
#ioriparo
#madeinitaly #artigianatoitaliano #calzolaiitaliani #calzolaio #calzolai
#calzolaiduepuntozero #calzolai20

Con la Legge di Bilancio 2021 arriva Iscro: l'indennità riconosciuta ai lavoratori della gestione separata (liberi professionisti) Il Bonus Inps fino a 800 euro per ora non spetta agli artigiani

Venezia 16 febbraio 2021 – Gli ammortizzatori sociali, "sono fondamentali nel ridurre in modo significativo l'aumento della diseguaglianza nel breve termine". Tanto che gli ammortizzatori sociali straordinari (per i lavoratori dipendenti), messi in campo dal Governo da inizio pandemia, unitamente ai ristori (anche se limitati) dedicati alle imprese, hanno permesso di non far peggiorare il livello di disuguaglianza nel nostro Paese.
Il problema è che questi interventi sono straordinari. Mentre la profonda diseguaglianza del mercato del lavoro tra lavoratori dipendenti e indipendenti (artigiani, commercianti e partite IVA), imporrebbe un ammortizzatore sociale stabile, ordinario anche per questa seconda categoria a basso reddito e svantaggiata dal punto di vista della stabilità.

Leggi tutto

Lotteria degli scontrini.

Geroli: No ad ulteriori gabelle per le pmi”
4mila le attività di calzoleria coinvolte in Italia

Venezia 2 febbraio 2021 – “Sarà pure un progetto nato con le migliori intenzioni, ma abbiamo molto dubbi sulle effettive finalità e sulla sua funzionalità, ma soprattutto non abbiamo dubbi sul fatto che costituirà un ulteriore costo e impaccio burocratico per le nostre imprese”. Paride Geroli Presidente di Calzolai 2.0 affronta cosi il problema della cosiddetta “lotteria degli scontrini” promossa dal Governo a partire dal 1° febbraio 2021.

Leggi tutto

Circolare aperture - DPCM 3 novembre

‼️ATTENZIONE IMPORTANTE👇
consentita anche l’attività accessoria di vendita di beni collegati alla prestazione della riparazione.
Domanda
Alla luce del DPCM del 3 novembre 2020, i calzolai possono proseguire l’attività anche nelle c.d. “regioni rosse”?
Risposta
Si, il DPCM del 3 novembre 2020, all’art. 3, ha dettato le misure di contenimento per le c.d. “regioni rosse”, senza individuare restrizioni per l’attività di riparazione di calzature.
Tale attività, rientra nel codice Ateco 95.23 “Riparazione di calzature e articoli da viaggio” e, pertanto, deve essere tenuta distinta dalle altre attività che subiscono limitazioni (tra cui rientrano alcune attività di commercio al dettaglio, con codice Ateco 47, e alcuni “servizi alla persona”, con codice Ateco 96).
L’attività di riparazione del calzolaio, pertanto, è consentita senza limitazioni, analogamente a quella di duplicazioni chiavi che rientra tra le attività dei “Servizi di riparazioni rapide, duplicazione chiavi, affilatura coltelli, stampa immediata su articoli tessili, incisioni rapide su metallo non prezioso” con codice Ateco 95.29.04 (anch’esso non rientrante nelle attività sospese).
‼️📍Si ritiene, infine, che sia consentita anche l’attività accessoria di vendita di beni collegati alla prestazione della riparazione.
Occorre, infatti, considerare che l’attività di calzolaio rientra tipicamente tra le attività artigiane disciplinate dalla legge quadro per l’artigianato (n. 443/85). Ai sensi dell’art. 3 della legge richiamata, l’artigianato si caratterizza, infatti, per la possibilità di fornire al committente quanto strettamente collegato alla prestazione del servizio reso, senza che vengano applicate a tali attività accessorie le disposizioni sul commercio.
Sulla base di questa specificità, si ritiene, che il calzolaio possa vendere al cliente anche i beni collegati alla riparazione stessa, essendo tale attività secondaria il completamento di quella primaria della riparazione.

circolare aperture

logo small